Sabato, 13 Agosto 2022

Il ristorante Confini: non ci sono limiti al gusto

“Eravamo quattro amici al bar, che volevano cambiare il mondo”, diceva la canzone. Nel nostro caso, i quattro amici sono napoletani e accomunati da una grande passione per i viaggi; e quello che vogliono cambiare è il concept di food. Loro sono Luca Varriale, Antonio Ippolito, Giovanni Conturso e Carmine Ferrara, e, dopo tanto peregrinare in giro per il mondo (Antonio in realtà vive a Ibiza), decidono di mettersi insieme e creare un ristorante che vada oltre i confini strettamente intesi.

 “Il ristorante si chiama Confini, ma l’obiettivo è di andare oltre le barriere, intese come geografiche e culinarie, rivisitando piatti che vengono da lontano, ad esempio pietanze peruviane, cinesi, spagnoli, in chiave nostrana, ovvero utilizzando prodotti campani”, spiega Luca.

Sfida non facile ma questi giovani, con i loro appunti di “traveller” raccolti on the road, ci provano aprendo (proprio pochi giorni fa) un locale, molto ricercato nei particolari, a via Napoli, con tanto di vista mozzafiato sul Golfo di Pozzuoli.

1 – TIPOLOGIA DI CUCINA – Una cucina campana ma di ispirazione internazionale

La cucina di Confini è ambiziosamente “internazionale”, nel senso che si ispira a tutte le cucine del mondo ma poi le fa proprie, rivisitandole in chiave campana. L’idea è quella che non esistano confini nel food ma si può miscelare e sperimentare, un po’ come quando si viaggia e ci si arricchisce di qualcosa di nuovo, pur rimanendo se stessi dopo tutto. Ecco quindi apparire, sul tavolo del ristorante di Pozzuoli, piatti peruviani, cinesi, spagnoli, creati utilizzando ingredienti della nostra terra e della nostra tradizione.

Il ristorante Confini non ci sono limiti al gusto1

2. PIATTI FORTI – Piatti nati dal mix tra ricette esotiche e materie prime nostrane

Quello che viene fuori sono piatti, il più delle volte, sofisticati. Alcuni esempi: Mozzarella Stories: mozzarella di bufala, gambero, pane tostato all’erba cipollina e spuma di pomodoro con lime, polvere di limone bruciato; Gyoza al vapore, ovvero ravioli cinesi rivisitati alla Nerano, quindi con una farcitura di crema di zucchine e provolone del monaco, scottati in padella; Croquetas, crocchè preparati con il tipico prosciutto spagnolo, jamon iberico(nella versione carne) o con il tonno (nella variante pesce); Ceviche peruviano, pesce crudo marinato con base di salsa peruviano.

Il ristorante Confini non ci sono limiti al gusto2

3. LOCATION – Un’atmosfera rilassata e arredi curati nei minimi dettagli

Gli arredi, dai colori forti che vanno dall’azzurro al grigio, curati nei minimi particolari (tavoli e sedie sono fatti a mano), rispecchiano un’atmosfera soft, resa tale anche da un’accoglienza molto informale con sedute comode come poltroncine e sgabelli, particolarmente adatte anche a un aperitivo time. Il bancone in stile portoghese, ambienti adorni di oggetti particolari come un pianoforte (cui ognuno è libero di sedersi a suonare), fanno da cornice a questo ristorante che può ospitare oltre 50 persone, tra spazio interno ed esterno con vista mare sul Golfo di Pozzuoli.

Il ristorante Confini non ci sono limiti al gusto3

4. CURIOSITÀ – Una ristorazione che eleva sapori e gusti

Noi consideriamo il food un’esperienza completa – spiega Luca Varriale – Non solo mangiare prodotti di qualità ma anche bere, abbiamo una vasta scelta di etichette di vini e champagne, così come vivere un’atmosfera rilassata grazie al panorama mozzafiato di cui si può godere da qui”. In tempi in cui si va verso la specializzazione, Luca, Antonio, Giovanni e Carmine, hanno scelto una nicchia “particolare”, che va a selezionare il meglio dei gusti, sia in fatto di food, sia di beverage, con oltre 150 carte di vini e champagne, provenienti da diverse parti di Italia, oltre che da Francia, Germania, Nuova Zelanda, per fare qualche esempio.

Il ristorante Confini non ci sono limiti al gusto4

5.  A CHI SI RIVOLGE – Si rivolge a un target medio-alto

Il ristorante Confini ha anche una fascia di aperitivi, accessibile ai più giovani; ma si rivolge perlopiù a una fascia medio-alta, agli amanti del crudo (ci sono ostriche, ricciole, scampi e pescato fresco di prima scelta) e del buon vino (vista l’ampia offerta di etichette della sua cantina).

Il ristorante Confini non ci sono limiti al gusto5

6.  FASCIA DI PREZZO – Per la qualità che offre, la fascia è medio-alta

Si può fare un’apericena a partire 20/30 euro a persona, ma dipende sempre da quello che si cerca; la fascia di prezzo è proporzionata alla qualità offerta.

Il ristorante Confini non ci sono limiti al gusto6

Informazioni e prenotazioni

Ristorante Confini

Via Napoli 221 - Pozzuoli (Na)

0813599202

IG: @confini_restaurant

Maria Nocerino
Author: Maria Nocerino
Sociologa e giornalista pubblicista, è specializzata nel giornalismo sociale. Collabora con l’agenzia di stampa Redattore Sociale e con il quotidiano Roma per le pagine della Cronaca.

Pin It
Image

CHI SIAMO


Napoliclick è il portale cittadino di notizie e opportunità promosso dal gruppo di imprese sociali Gesco. Napoliclick seleziona e approfondisce opportunità ed eventi con un approccio critico, attento alla sostenibilità economica, al rispetto per l’ambiente, al consumo responsabile e solidale, al benessere, alla salute, alla buona cucina..
DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo