Lunedì, 28 Novembre 2022

I Segni del Paesaggio: l’Appia e Capua in mostra

Ritratti e imponenti statue in marmo, sculture, affreschi, pavimenti musivi, sepolture, cippi miliari e iscrizioni: cento opere mai esposte prima che rappresentano i testimoni parlanti dell’Appia lungo il suo cammino nella Capua romana.

La mostra “I Segni del Paesaggio: l’Appia e Capua” sarà inaugurata mercoledì 14 settembre 2022 alle 18 al Museo archeologico dell’Antica Capua, e segna l’avvio della sezione romana.

Dall’arco di Adriano a Calatia: un viaggio ideale lungo la Regina Viarum 

L’allestimento espositivo si sviluppa in otto sale, scandite da banner che segnano il percorso dell’Appia in città, dal suo ingresso, attraverso l’arco cosiddetto di Adriano, fino all’uscita dalla città raggiungendo Calatia, nel territorio di Maddaloni e una delle tappe dell’itinerario culturale della via Appia, il Museo archeologico di Calatia, posto proprio lungo il suo percorso.

Il viaggio ideale lungo la Regina Viarum, proposto con questa esposizione, si conclude con la fertilità dell’Ager Campanus e le floride attività agricole praticate dalle élite cittadine in un territorio profondamente inciso dai segni della centuriazione romana.

A simboleggiare la feracità della Campania Felix è la statua di Trittolemo, che, seminando il grano su tutta la Terra guidando un carro alato, compie un’azione civilizzatrice dell’umanità.

Un percorso dell’Appia nella città romana di Capua, legato agli altri luoghi della cultura della Campania attraversati dalla consolare, illustrato con un progetto di musealizzazione dinamico, sotto il segno dell’Appia definita Regina viarum dal poeta latino Publio Papinio Stazio.

Una mappa interattiva della Via Appia da Roma a Brindisi, video, pannelli e didascalie ragionate con testi in italiano e in inglese, suggestive proiezioni restituiscono al pubblico il  percorso e le ragioni politiche della costruzione della Regina Viarum e un’immagine inedita della città romana, proprio dal luogo che all’epoca dominava il foro della città. 

La mostra amplia il percorso museale riconnettendolo, dopo quasi trent’anni, all’originario progetto espositivo, ricongiungendo gli ambienti che erano destinati a deposito, dove, per 15 anni, è stata conservata la Tomba di Stallia, rinvenuta durante uno scavo dall’allora direttore dell’Ufficio Archeologico di Santa Maria Capua Vetere Valeria Sampaolo. Una straordinaria sepoltura, raro esempio di pittura di età tardo repubblicana raffigurante l’arrivo nei Campi Elisi di una donna dell’élite capuana – che ora viene restituita al pubblico.

Il progetto ha quindi consentito di ricomporre la monumentale struttura, venuta alla luce nel 2008, che per motivi di tutela fu rimossa dal luogo del ritrovamento con un complesso intervento di smontaggio, fino alla sua attuale esposizione, le cui fasi sono illustrate in un apposito pannello.

I Segni del Paesaggio lAppia e Capua in mostra 1

Il ritratto dell’imperatore Settimio Severo e la testa di Dioniso

Significativa è la presenza nell’allestimento di due pregevoli sculture in marmo, il ritratto dell’imperatore Settimio Severo e la testa di Dioniso, trafugate nel 1985 nell’Antiquarium di Santa Maria Capua Vetere e restituite al pubblico con un’operazione di collaborazione internazionale, coordinata dal Nucleo Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.

L’esposizione, a cura di Ida Gennarelli e Anna Maria Romano, è organizzata dalla Direzione regionale Musei Campania, ed è la seconda delle due mostre organizzate nell’ambito del progetto “I Segni del Paesaggio: la via Appia e i Castelli della Campania”, POC Campania - Programma di Azione e Coesione – Piano Operativo Complementare 2014-2020”.

La mostra, che si avvale della collaborazione della Regione Campania, del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento  e di esperti del settore,

La mostra capuana è parte di un più ampio progetto, “I Segni del Paesaggio: L’Appia e i Castelli della Campania” che comprende anche il Castel S. Elmo, nei cui ambulacri è allestita la mostra: “I Segni del Paesaggio: Sant’Elmo e i Castelli della Campania” articolato e illustrato in un volume edito da Electa, a cura di Marta Ragozzino, Ida Gennarelli, Anna Maria Romano”, da una mappa con gli itinerari culturali a cura di V. Addio, A. Coppa, S. Lo Pilato e S. Mataluna, e da un racconto per i più piccoli “Alla scoperta dell’antica Capua” di Antonio Coppa, illustrato da Marianna Canciani.

I Segni del Paesaggio: l’Appia e Capua > la mostra 

Quando: inaugurazione 14 settembre 2022

Dove: Museo archeologico dell’antica Capua, via Roberto D’Angiò, 44 – S. Maria Capua Vetere

Orari: martedì-domenica 9-18.30 (lunedì chiuso)

Biglietto acquistabile solo presso la biglietteria in piazza I Ottobre, con chiusura alle 18.00

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  | 0823 844206

Foto O. Fabozzi

Donatella Alonzi
Author: Donatella Alonzi
Giornalista professionista e videomaker. Animalista convinta, mamma di Lucia e di Bella, la sua buffa cagnolina.

Pin It
Image

CHI SIAMO


Napoliclick è il portale cittadino di notizie e opportunità promosso dal gruppo di imprese sociali Gesco. Napoliclick seleziona e approfondisce opportunità ed eventi con un approccio critico, attento alla sostenibilità economica, al rispetto per l’ambiente, al consumo responsabile e solidale, al benessere, alla salute, alla buona cucina..
DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo