Giovedì, 30 Maggio 2024

Monumento Memento, la mostra di Yvonne De Rosa al Mann

Quarantanove opere tratte dalla monografia “A mia madre” (Roberto Nicolucci Editore) nella mostra “Monumento Memento” di Yvonne De Rosa, a cura di Simone Maria Azzoni, che sarà inaugurata al Mann sabato 22 aprile 2023.

È un racconto, un viaggio che attraversa il tempo e lo sospende. Se a “A Mia Madre” è un archivio di voci, segni, fotografie di giovani e giovanissimi passati dalla Nuziatella di Napoli, Monumento Memento è la riconfigurazione di quell’archivio: estetica, discorsiva, formale. Le storie diventano affluenti della Storia, a nuovi custodi del presente è affidato il capo del “ filo che s’addipana”.

La mostra sarà esposta fino al 22 luglio nella prestigiosa sala dedicata ai Tirannicidi.

“Nella camera delle meraviglie dei Tirannicidi - scrive il curatore Simone Maria Azzoni - “A Mia Madre” è l'intimità nell'eroico, la contraddizione nella celebrazione. De Rosa, “disinnescando” il monumento, sovverte la linea del tempo, sostituisce il senso definitivo con la domanda, svela la pace mentre rivela la guerra. Nella nobile dimensione “pubblica” del Museo, innesta una possibilità per contestare la memoria, quella collettiva, quella eroica della libertà e della ribellione “al tiranno”.

Qualcos'altro abita ora lo spazio: dittici come ex voto, cartoline come reliquie di tombe, lettere. Uno sfregio al monumento, alla nobiltà dello stesso marmo, quello della Nunziatella, quello delle statue classiche. Il passato si ricostruisce in un gesto che restaura la linea del futuro. Là dove le arti si davano appuntamento in un gioco di rinvii e accordi, c'è ora un nuovo luogo delle relazioni abitato da inedite corrispondenze.

 “Ho cercato di operare una sottrazione di “misura e di peso”, - dice Yvonne De Rosa - di cercare nell’imponente monumentalità uno spazio dell’intimità . Le azioni belliche sono sottratte al tempo si fanno presente e via d'accesso ad un tempo comune: quello in cui di una lettera di un giovane soldato diventa la lettera di tutti i soldati. Parlando della guerra egli dice in una accorata lettera a sua madre : “nulla si può sperare da ciò che ci circonda se non inganni e disillusioni..”.”

Nella nobile dimensione “pubblica” del Museo, Yvonne De Rosa innesta una possibilità per contestare la memoria, quella collettiva, quella eroica della libertà e della ribellione “al tiranno”. In quell'ideale s'insinua il reale, tremendo. È uno strappo nell'immobilità, una sottrazione di misura e di peso. Nell'imponente monumentalità si dispiega violentemente lo spazio dell'intimità. Gesta sottratte dal tempo si fanno presente e via d'accesso ad un tempo comune, quello di una lettera di un giovane soldato.

Yvonne De Rosa

Yvonne De Rosa nasce a Napoli. Dopo aver conseguito una laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, si trasferisce a Londra, dove si dedica allo studio della fotografia conseguendo un Post Graduate Degree in Photography alla Central Saint Martins e un Master Degree in Fotogiornalismo al London College of Communication.  Dal 2004 ad oggi ha pubblicato, curato ed esposto i propri lavori in contesti nazionali ed internazionali. Precedenti monografie fotografiche: Crazy God (Damiani Editore, 2008) presentato alla Photographres’gallery di Londra e Hidden Identities, Unfinished. (Damiani Editore, 2013) esposto al Victoria&Albert Museum of Childhood di Londra.

Nel 2015 fonda, a Napoli, l’associazione Magazzini Fotografici di cui è tutt’oggi direttrice artistica. 

Monumento Memento: la mostra

Dove MANN – Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Quando dal 22 aprile al 22 luglio 2023

Inaugurazione sabato 22 aprile 2023 ore 11

Author: Redazione

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER