Mercoledì, 01 Febbraio 2023

Convivia: alla Pietrasanta la dieta dei nostri antenati

C’è anche la bottiglia d’olio più antica del mondo in esposizione al Lapis Museum della Pietrasanta per la mostra Convivia, il gusto degli antichi che apre oggi al pubblico e sarà accessibile fino all’8 gennaio del 2023. L’esposizione,  promossa dall’associazione Pietrasanta Polo Culturale onlus con finanziamenti regionali della Scabec e il sostegno della Fondazione Banco di Napoli, ricostruisce le origini della nostra dieta mediterranea, a partire dai reperti fossili del Mann.

Dalla sua “Collezione dei commestibili” che conserva reperti risalenti all’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. proviene il reperto con l’olio scoperto da Alberto Angela nei depositi del Museo archeologico nazionale, e resti di pane, vinacce, nocciole, orzo, farro, ora in mostra alla Pietrasanta. 

L’esposizione alla Pietrasanta conferma il legame tra il Mann e l’apertura di un corridoio culturale nel segno dell’archeologia.

GUARDA IL SERVIZIO  

 

Grazie all’impegno dell’associazione, i reperti sono stati restaurati e ora sono parte integrante di un percorso che è sia materiale, con anfore, suppellettili, statue, ma anche multimediale, con voci narranti e filmati che presentano i menù, le ricette, le diverse qualità di pane e panettoni dolci, mentre una vineria espone la carta dei vini con il suo prezziario. Una finestra è dedicata anche al consumo del vino alla greca, proponendo il tema del simposio con tutto il set di vasellame necessario. Si scopre così il regime alimentare del quotidiano della società antica, basato sostanzialmente sul consumo del pane, del formaggio, delle olive, delle verdure e dei legumi, mentre non faceva parte della dieta quotidiana il consumo delle carni rosse ma solo quello di polli o animali da caccia. Una stanza è dedicata alla ricostruzione – con video e suoni – di una cucina in piena attività, mentre di grande utilità educativa è il touch screen che illustra i commerci alimentari nell’Impero Romano. Le opere multimediali sono state curate dal MAV di Ercolano.

La mostra è stata curata dalla professoressa Giovanna Greco in collaborazione con Gaetano di Pasquale del Dipartimento di Agraria della Federico II, mentre l’allestimento è a cura dell’architetto Ferdinando D’Agostino.

Donatella Alonzi
Author: Donatella Alonzi
Giornalista professionista e videomaker. Animalista convinta, mamma di Lucia e di Bella, la sua buffa cagnolina.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo