Lunedì, 04 Luglio 2022

Tv, a Vitalia il culto delle Madonne nere con tappa a Montevergine

Nel terzo appuntamento con 'Vitalia – Alle origini della Festa', in onda il venerdì 20 maggio alle 23.55 su Rai 2, Alessandro Giuli condurrà il pubblico alla scoperta dell’origine misteriosa del culto delle Madonne nere e delle processioni a loro dedicate, che affondano le radici nei cortei che onoravano la Grande Madre, Cibele.

Punto di partenza del viaggio è il porto di Ostia antica, dove nel 204 a.C. giunge una nave che reca una pietra nera prelevata da una delegazione romana a Pessinunte in Frigia. È il simulacro della Grande Madre, accolto con tutti gli onori dall’aristocrazia romana: ritornava infatti a casa la Grande Madre Cibele, per salvare Roma dalle truppe di Annibale. Una grande area, a Ostia, testimonia l’importanza del culto e la pratica dei taurobolia, i celebri sacrifici di tori in onore della casa imperiale che andarono a sostituire le mutilazioni che i seguaci della dea si autoinfliggevano al culmine della possessione, nel rito frigio. Alessandro Giuli si recherà nei pressi di Siracusa, dove la Madre degli Dei, Cibele, era venerata nell’antica colonia greca di Akrai, assieme al figlio-amante Attis. A Palazzolo Acreide sorge il più importante santuario rupestre del Mediterraneo, dodici statue che rappresentano Cibele, vegliano su Akrai da millenni fino ai giorni nostri, come testimoniano i geni del luogo che il conduttore incontrerà e che perpetuano l’immagine della dea e fanno rivivere i suoni a lei cari attraverso la costruzione di strumenti pastorali. Alessandro Giuli risalirà la Sicilia fino a Capo Tindari, dove una Madonna nera, nera come la pietra di Cibele, giunta su una nave dal mare, come Cibele, venne accolta dagli abitanti del luogo, che le costruirono un tempio lì dove nell’antica colonia greca di Tindari sorgeva il tempio dedicato a Cibele. Tuttora il santuario della Madonna nera di Tindari domina lo sperone roccioso, dove la dea della fecondità, la Grande Madre Terra veniva venerata.   Giuli risalirà poi l’Italia in direzione di Roma, soffermandosi a Montevergine, in provincia di Avellino, dove un’altra Madonna nera ha soppiantato il culto di Cibele. Ogni anno all’inizio di febbraio, festa cristiana della Candelora, una moltitudine di persone sale sul monte come secoli fa facevano i Coribanti, eunuchi, sacerdoti della Magna Mater: è la juta dei femminielli.  Il conduttore arriverà infine a Roma, ripercorrendo le tappe del culto romano della Magna Mater sul fiume Almone, per giungere sul Palatino dove la Dea trovò, in un tempio per lei edificato, un posto d’onore: accanto alla Domus di Augusto, proprio lì dove sorgeva la capanna di Romolo.

Author: Redazione

Pin It
Image

CHI SIAMO


Napoliclick è il portale cittadino di notizie e opportunità promosso dal gruppo di imprese sociali Gesco. Napoliclick seleziona e approfondisce opportunità ed eventi con un approccio critico, attento alla sostenibilità economica, al rispetto per l’ambiente, al consumo responsabile e solidale, al benessere, alla salute, alla buona cucina..
DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo