Lunedì, 04 Marzo 2024

Consumo Critico

Saldi estivi, chiari e sicuri: qualche consiglio per gli acquisti a prezzi scontati

Sessanta giorni di shopping a prezzi scontati per provare ad acquistare quel capo di abbigliamento tanto desiderato o prendere al volo un’occasione davvero imperdibile. Ci siamo quasi: giovedì 6 luglio 2023 anche in Campania si parte con i saldi estivi.

Coldplay a Napoli, il concerto va a olio esausto di pizza fritta. Ma è davvero un evento green?

Quando nel 2019 i Coldplay comunicarono la loro decisione di non tornare sul palco finché non si fosse trovato un modo per rendere i loro concerti “ecosostenibli”, in molti storsero il naso non credendo potesse accadere davvero. E invece la band britannica ha mantenuto la promessa ed è partita alla volta di un grande Tour mondiale per la presentazione del nuovo album Music of the Spheres in chiave green.

L'arte di intrecciare i libbani. Con una pianta selvatica la Lucania fa impresa

Fare comunità a partire dalle risorse del territorio: è questo il principio su cui si basa  “Intrecci di Comunità” un progetto ambizioso quanto visionario tutto al femminile.

Ci troviamo a Maratea, nel cuore della Basilicata. Qui nasce, grazie al lavoro dell'associazione Liberi Libri e al sostegno di Fondazione con il Sud e Enel Cuore - la Onlus del Gruppo Enel, nell’ambito del bando Nel cuore del sud – la Nuova Libbaneria Mediterranea, una impresa sociale che a partire da una materia prima vegetale del terrotorio – il libbano – crea oggetti di design, a cui si associa un'iniziativa di turismo esperenziale.

La lavorazione dei libbani. A cavallo fra passato e futuro

La storia dei libbani affonda le radici in un passato che appartiene alla memoria di tutta la comunità locale. Con i libbani fino agli anni '70 – prima che la plastica prendesse il sopravvento - si producevano infatti cordami per il settore nautico e per la pesca, una microeconomia che ha permesso la sopravvivenza di molte famiglie. A lavorare questo materiale vegetale che cresce liberamente fra i boschi della Lucania erano soprattutto le donne e oggi riacquista valore  tornando fra le mani delle donne, in una trasmissione di saperi di generazione in generazione. “L'idea è nata nel 2019  con Matera Capitale Europea della Cultura grazie nell'ambito del progetto Ri-Corda. Fu in tale occasione che abbiamo capito che il sogno di convertire in chiave contemporanea un antico sapere, come quello della lavorazione dei libbani, era davvero possibile – racconta Marialuisa Firpo di Liberi Libri, ideatrice del progetto insieme a Ilaria d’Auria e ad Angelo Licasale di InMateria APS. Grazie al sostegno di Fondazione con il Sud e Enel Cuore Onlus siamo passati alla fase successiva, quella della formazione. Un gruppo di 20 donne di Maratea, Lauria, Trecchina e donne ospiti dello SPRAR e del SAI di Lauria - di età diverse e con storie differenti - con grande entusiasmo ha iniziato a seguire i laboratori di ceramica, di storytelling e di tecnica tradizionale di produzione”. Ad occuparsi della formazione sono state Beatrice Avigliano, Rosa Brando, Maria Laura Galiano e Angelina Tortorella, donne che hanno lavorato alla filiera di produzione del cordame prima che avvenisse la riconversione industriale. “Ho messo a disposizione del progetto il mio loft di Massa con grande gioia - prosegue l'artista Carla Viparelli – contribuire a scrivere questa storia è per me un grande onore. Il mio contributo nel progetto è stato soprattutto questo: rendere visibile come da un materiale concepito per fini industriali e che fino a qualche anno fa avremmo considerato “superato” possa nascere bellezza. Oggi i libbani sono utilizzati per produrre delicati ornamenti e oggetti di design. Chi acquista uno di questi oggetti entra a far parte di un mondo di tradizione e resistenza”.

L'unione fa la forza. La partnership

 

Formazione, impresa, inclusione sociale e lavorativa e offerta turistica: la Nuova Libbaneria Mediterranea racchiude in sé tanti fini ed è per questo che necessita dell'unione di più realtà. Un partenariato ampio e articolato - che si snoda lungo tutto il territorio nazionale dalla Calabria al Piemonte - è l’ossatura su cui si basa il progetto, con il CIF-Centro Italiano Femminile di Lauria come capofila e Auser Lauria, Auser Rivello, Asset - Azienda speciale della Camera di Commercio della Basilicata, Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, Comune di Maratea, Fabbrica Tessile Bossio, Fondazione Francesco Saverio Nitti, Forum delle Associazioni di Maratea, InMateria, Liberi Libri, Mov Lauria.  “Per il CIF è un orgoglio poter essere capofila in un programma di inclusione sociale e lavorativa le cui destinatarie sono donne di questa terra e con una vocazione per le tradizioni locali.dichiara Antonella Viceconti, presidente del CIF Centro Italiano Femminile Regionale Basilicata.

Anche la Fondazione Matera Basilicata 2019, affianca il progetto con Rita Orlando, Manager di Open Design School, per lo sviluppo del design contemporaneo. Inoltre la Nuova Libbaneria Mediterranea è oggetto di studi nell’ambito dei tirocini formativi del Corso di Design per la Comunità (CoDe) del DIARC dell’Università Federico II di Napoli coordinati dalla professoressa Carla Langella.

Le azioni future

 

Il progetto durerà 30 mesi e avrà diverse fasi di formazione volte ad acquisire tecniche di produzione e competenze gestionali.

I laboratori di produzione e design che vedranno alcune residenze di designer e innovatori per lo sviluppo di prototipi di oggetti artigianali, di design contemporaneo e di esperienze turistiche trasformative legate alla produzione dei libbani.

In seguito la formazione continuerà con i tirocini formativi presso la Fabbrica Tessile Bossio di Calopezzati (CS) specializzata nella tessitura di fibre naturali, dove si sperimenterà il lavoro in fabbrica e lo sviluppo di nuovi utilizzi del materiale.

ASSET Basilicata affronterà la formazione gestionale sviluppando il progetto imprenditoriale e seguendo il lancio dei prodotti. L’ultima fase del progetto si focalizza sul perfezionamento, posizionamento e commercializzazione della nuova linea di prodotti artigianali e turistici. Le donne al termine del processo sapranno produrre, narrare, e vendere prodotti tangibili e intangibili sia online che al dettaglio circondate da reti relazionali consolidate, andando a costruire un’offerta di artigianato locale e turismo esperienziale capace di valorizzare il territorio nel rispetto dell'ambiente e dell'ecosistema locale.

Mobilità sostenibile, parola d’ordine: condivisione

 Assosharing è la prima associazione di categoria del comparto sharing mobility in Italia. L’associazione  - che rappresenta la maggioranza del mercato italiano in sharing – intende proporre spunti importanti per la regolamentazione del settore dei trasporti in condivisone: dai monopattini alle bici, dagli scooter alle auto elettriche.

Elle Getting Greener, il percorso della sostenibilità parte da Napoli

La strada verso un cambiamento consapevole per l'ambiente parte da Napoli che ha ospitato Elle Getting Greener, il forum organizzato da Elle, in collaborazione con il Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi di Napoli Federico II. 

Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER